Ospedale di Parma, la dottoressa D'Abbiero spiega le potenzialità del nuovo acceleratore

Promosso a pieni voti dal principale ente europeo di certificazione, accreditato dalla Società europea dei radioterapisti e degli oncologi, il nuovo acceleratore ha già iniziato a lavorare a pieno ritmo a vantaggio dei circa 1300 pazienti che ogni anno ruotano attorno al reparto di Radioterapia dell'ospedale di Parma. La nuova apparecchiatura è dotata di una tomografia computerizzata a fascio conico, una sorta di TAC, che permette di vedere prima di ogni seduta com'è posizionata la massa tumorale a tutto vantaggio di una maggiore precisione. Dal Maggiore sottolineano che circa il 70% delle neoplasie può essere curata utilizzando la Radioterapia da sola o in combinazione con altre tipologie di trattamento.

Gli altri video di Cronaca