Uccisa e bruciata, l'assassino in fuga dalla casa della vittima a Ferrara

Il rapporto tra Atika Gharib e M’Hamed Chamek, l’uomo arrestato per averla uccisa e data alle fiamme nella notte tra domenica e lunedì scorsi, era definitivamente precipitato un mese prima. Il 2 agosto, quando l’uomo aveva alzato le mani sulla figlia adolescente di lei, nata da una precedente relazione, per poi infierire sulla donna che si era messa in mezzo. Accadeva a Ferrara, nell’appartamento di via Oroboni. La sorella di Atika, che stava rincasando, provò invano a bloccarlo in attesa dell’arrivo delle forze dell’ordine, ma lui riuscì ad allontanarsi.
NEL VIDEO RIPRESO CON IL TELEFONINO DALLA STESSA SORELLA DELLA VITTIMA, LA FUGA DELL’UOMO.

Leggi anche: l'assassino poteva essere fermato

Gli altri video di Cronaca locale